Peccati di gola

Parla il nostro nutrizionista, Luca Lotito: i peccati di gola sono davvero la “bestia nera” per la nostra linea? Siamo sicuri che rinunciare a tutti i cibi che piacciono aiuti a restare in forma? Si deve rinunciare a qualsiasi dolce o altra golosità?

In realtà, purché gli strappi vengano fatti con equilibrio non fanno male, ma aiutano il nostro umore. Purtroppo negarsi i piaceri della tavola è rischioso in quanto può creare uno stato di insoddisfazione che può spingere a sabotare una dieta o a esagerare in abitudini alimentari non salutari.

Soprattutto in questo periodo in cui la pandemia ci ha costretti a rinunciare alla convivialità, a ridurre lattività fisica, a perdere il lavoro o nel migliore di casi a trasformare il nostro in smart-working, sono aumentati i livelli di stress e questo ha portato in molti casi a sfogare le frustrazioni sul cibo.

Per arginare tutto ciò cerchiamo di riscoprire il piacere di mangiare: partiamo con il portare nei piatti colore, allegria, genuinità e molta, molta fantasia. Bisogna divertirsi anche a tavola, reinventare gusti e sapori in modo da dare una nuova veste a ciò che mangiamo.

Ad esempio il sale pur aumentando il ristagno di liquidi non va eliminato del tutto: nell'acqua di cottura della pasta impariamo ad usare il sale marino integrale che ha più sali minerali e un sapore più deciso in modo da poterne usare meno. Invece sulle carni e insalate sostituiamolo con un cucchiaino di due diverse erbe aromatiche e il sapore sarà assicurato.

Non rinunciamo del tutto al dolce, perché spesso farlo diventa demoralizzante e induce ad abbuffate compensatorie. Se prepariamo il nostro dolce preferito a casa al posto dello zucchero comune utilizziamo puree di frutta fresca oppure stevia che hanno analogo o maggiore potere dolcificante e quindi ridurremo in tal modo lapporto glucidico e calorico della nostra prelibatezza.

Inoltre, è sempre meglio consumare il dolce nella prima parte della nostra giornata in modo da avere la possibilità di “bruciarlo” durante la stessa.

Anche un buon bicchiere di vino è concesso, ha solo 50 calorie ed è ricco di antiossidanti soprattutto se rosso. Naturalmente i superalcolici andrebbero aboliti.

I formaggi sono un altro miraggio per molte persone a dieta, ma anche loro hanno lati positivi: contengono calcio che è indispensabile per tutte le reazioni biochimiche del sistema nervoso centrale. Eliminarli vorrebbe dire aumentare il rischio di osteoporosi e rallentare il metabolismo.

Che dire poi di hamburger e patatine fritte? Se cotti bene e preparati con ingredienti di qualità possono essere un buon pasto bilanciato che deve però essere consumato una volta ogni tanto.

Dunque in quest'ottica i “peccati di gola” appaiono un po' meno peccaminosi. È corretto essere a dieta ma dobbiamo intendere quest'ultima come uno stile di vita corretto, sano ed equilibrato che soddisfi le esigenze fisiologiche dell'organismo, gli aspetti psicologici e relazionali attraverso l'appagamento dei sensi, il rispetto della tradizione e dei ritmi di vita quotidiana.

È importante vivere, godere del cibo e dei momenti di compagnia. È sbagliato vivere di soli sacrifici, giudicare il cibo come buono o cattivo, sano o insano, o fare gli eremiti per non cadere in tentazione.

Come possiamo allora conciliare sana alimentazione e peccati di gola?

Prendiamo coscienza del tipo di sgarro che vogliamo effettuare: un biscotto grande o due cubetti di cioccolato sono un peccato piccolo (100 calorie); una fetta di dolce, una coppetta piccola di gelato (150 gr) o una fetta di focaccia rappresentano un peccato medio (fino a 300/400 calorie); un pranzo fuori o una cena fuori sono un peccato grande (dalle 1000 alle 2000 calorie in più).

Una volta fatto ciò cerchiamo le corrette sostituzioni: un peccato piccolo dovrà essere compensato con la rinuncia di 30g di pane o di un cucchiaio di olio; uno medio sostituisce un pasto come la colazione o il pranzo; infine uno grande necessita di un compromesso con l'aumento dellattività fisica come ad esempio un paio di ore di camminata.

In conclusione è sempre comunque meglio non eccedere con i peccati di gola e come dicevano gli antichi “in media stat virtus”.

copertina verdeta

banner essere cna

banner i consigli di samuele

Assemblea Nazionale 2021 - Intervista al Presidente Nazionale Giovanni Giungi

Assemblea Nazionale 2021 - Intervista al Presidente Nazionale CNA Daniele Vaccarino

banner FormazioneMondoDigitale

DIGITAL STORYTELLING
Corsi di formazione con Fondazione Mondo Digitale

banner unipol

>>> INGRANDISCI <<<

Gli auguri di Buona Pasqua del Presidente Giovanni Giungi

Messaggio del Presidente Giovanni Giungi

Messaggio del Presidente Giovanni Giungi

Assemblea Nazionale CNA Pensionati - Ministro della Salute Roberto Speranza

Agenzia Dire, Giungi “Gli anziani possono dare ancora un grande contributo alla comunità

Agenzia Dire, D'Andrea Pensionati ex artigiani a disposizione della comunità”

Agenzia Dire, Decaro ANCI “Nonni per la città” preziosi per trasmissione saperi ai più giovani

Festa Nazionale CNA Pensionati - Sergio Silvestrini Segretario Generale CNA

Festa Nazionale CNA Pensionati - Daniele Vaccarino Presidente Nazionale CNA

Festa Nazionale CNA Pensionati - Vinciano Luca Caricato

Spot radiofonici

Sergio Silvestrini: "Problema sicurezza percepito drammaticamente soprattutto dagli anziani"

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi sapere di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca il pulsante "Cookie e Privacy". Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.