Residenze per gli anziani, Cna Pensionati: Protocollo nazionale o nuovo innesco del Covid19

L’hanno chiamata strage degli innocenti. La definizione è del Forum del terzo settore della Regione Lombardia, cuore dell’incendio epidemico che, a fine febbraio, ha avvampato tutto il Nord e poi il Paese.

Ora, mentre la curva dei contagi e i ricoveri in terapia intensiva sul fronte di guerra degli ospedali sembrerebbe mitigarsi, l’allarme scatta nelle residenze degli anziani, anello debole di una rete che rischia di rappresentare un nuovo innesco dalla forza dirompente per la diffusione del Covid19 e che già oggi rappresenta un focolaio per nuovi decessi.

Si moltiplicano, infatti, su tutto il territorio nazionale i casi di quarantena e isolamento di comuni dove sono presenti case di cura, Rsa, residenze per anziani (anche con disabilità gravi) in cui il virus dilaga fra ospiti, operatori sanitari e addetti.

Il nuovo fronte del contagio è qui. Non solo in Lombardia ma anche nel Lazio, in Puglia, in Sicilia, Liguria, Valle d’Aosta e chi più ne ha più ne metta. Zone rosse di malattia e grandi solitudini con i vecchietti chiusi all’interno senza più il conforto e le visite dei parenti. E gli operatori delle strutture che operano quasi a mani nude, spesso sprovvisti dei presidi sanitari più efficaci e che quindi si ammalano a decine contagiando di nuovo all’esterno parenti e vicini di casa.

Il Coronavirus, malattia della solitudine, e della morte solitaria entra dunque nei luoghi della terza età, già di per sé lontani dalle famiglie e dagli affetti. Luoghi che rischiano di diventare moltiplicatori di contagio e lazzaretti infami. L’allarme è lanciato da CNA Pensionati che, per bocca del Segretario Nazionale Filippo D’Andrea, invoca interventi immediati.

“Serve un protocollo nazionale urgente – dice D’Andrea – altrimenti le residenze per anziani e le case di cura rischiano di rappresentare l’anello debole della prevenzione al propagarsi del contagio che stiamo così faticosamente contrastando”.

“Avanzare in ordine sparso da Regione e Regione– aggiunge D’Andrea – non è una buona idea. È bene che questi luoghi, definiti da molti, potenziali bombe biologiche siano presidiati da medici e operatori sanitari preparati nell’azione di contrasto per il Coronavirus. É necessario siano anche dotati di apparecchiature per controllare lo stato di salute degli ospiti, penso ad esempio ai saturimetri e agli ecografi portatili per controllare i polmoni. E poi è indispensabile che tutto il personale sia dotato di presidi di protezione efficaci e che resti isolato dai familiari o da altri contatti sociali proprio per evitare il diffondersi all’esterno dell’epidemia”.

copertina verdeta 80

banner essere cna

banner i consigli di samuele

Assemblea Nazionale 2021 - Intervista al Presidente Nazionale Giovanni Giungi

Assemblea Nazionale 2021 - Intervista al Presidente Nazionale CNA Daniele Vaccarino

banner FormazioneMondoDigitale

DIGITAL STORYTELLING
Corsi di formazione con Fondazione Mondo Digitale

banner unipol

>>> INGRANDISCI <<<

Gli auguri di Buona Pasqua del Presidente Giovanni Giungi

Messaggio del Presidente Giovanni Giungi

Messaggio del Presidente Giovanni Giungi

Assemblea Nazionale CNA Pensionati - Ministro della Salute Roberto Speranza

Agenzia Dire, Giungi “Gli anziani possono dare ancora un grande contributo alla comunità

Agenzia Dire, D'Andrea Pensionati ex artigiani a disposizione della comunità”

Agenzia Dire, Decaro ANCI “Nonni per la città” preziosi per trasmissione saperi ai più giovani

Festa Nazionale CNA Pensionati - Sergio Silvestrini Segretario Generale CNA

Festa Nazionale CNA Pensionati - Daniele Vaccarino Presidente Nazionale CNA

Festa Nazionale CNA Pensionati - Vinciano Luca Caricato

Spot radiofonici

Sergio Silvestrini: "Problema sicurezza percepito drammaticamente soprattutto dagli anziani"

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi sapere di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca il pulsante "Cookie e Privacy". Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.