La mandorla regina dei semi oleosi

Fillide, principessa greca, si innamorò perdutamente di Acamante che però dovette partire per la guerra. Quando le navi tornarono il giovane non era con i suoi compagni e la fanciulla disperata si uccise. Gli dei mossi a compassione la tramutarono in un “Mandorlo”. Acamante, giunto in seguito non poté fare altro che abbracciare l’albero, sconfortato a sua volta. Fiori e foglie si aprirono, accarezzò le foglie frastagliate, i fiori sia bianchi che rossi, i semi (le mandorle) allungati e conosciuti da tutti. Da allora fu il primo albero a fiorire, in genere a febbraio. 

L’albero che il povero Acamante strinse a sé è l’amigdalus communis della famiglia delle rosacee, dalle mandorle dolci e ottenuto dopo un paziente lavoro di selezione durato nel tempo. Prima i semi erano amari e non commestibili perché contenevano acido cianidrico. 

Le mandorle e gli altri semi oleosi

Insieme con altri alimenti come noci, nocciole, sono ricche di sostanze che danno forza e energia. Sono i semi oleosi. Purtroppo per diverso tempo le mandorle, soprattutto, sono state dimenticate. Si pensava, a torto, che fosse difficile digerirle e fossero troppo grasse. In realtà i grassi che contengono sono “insaturi”, un toccasana per il cuore e l’intero apparato cardiocircolatorio. Grassi insaturi contrapposti a quelli “saturi” che invece favoriscono l’acidificazione del sangue. 

Negli ultimi anni ci siamo abituati a usare piante esotiche antiossidanti, energetiche, che proteggono il cuore e abbassano il colesterolo nel sangue. Come le alghe, le bacche di goji, i semi di chia. In genere svolgono il loro compito nel migliore dei modi, ma c’è un unico neo: il loro costo elevato. Esistono soluzioni più economiche che non hanno nomi altisonanti ma più comuni, in alcuni casi perfino umili. Oltre mandorle, noci e nocciole parliamo dei semi di sesamo, semi di lino, semi di zucca, pinoli, semi di girasole.

Proprietà e indicazioni

È noto che le mandorle sono energetiche e nutrienti. É altrettanto noto che è meglio non mangiarne più di 12-13 in un giorno se non si vuole aumentare di peso. C’è chi sostiene che potrebbero sostituire la carne senza problemi. Non conosco studi scientifici al riguardo, meglio non fidarsi. 

Se potessimo scomporre una mandorla vedremmo che è formata da azoto, calcio, fosforo, potassio, magnesio, oleina, grassi.

Quanto alle proprietà si può dire che aiutano a superare momenti di agitazione, irritabilità, una sorta di calmante naturale. Disinfettano l’apparato digerente, in particolare lo stomaco. L’olio contenuto nelle mandorle lascia una patina sulle sue pareti, come una diga protettiva. Sono più facilmente digeribili se appena appena abbrustolite. 

La caratteristica di dare forza, vigore, ne fanno un toccasana per gli sportivi e per chi è debilitato nel corpo e nella mente, in caso di convalescenza e per la crescita. Sono adatte per le donne in gravidanza e durante l’allattamento. 

Contribuiscono a prevenire e eliminare i calcoli e a ridurre le infiammazioni urinarie. Contrastano la stipsi e la costipazione. 

Mandorle amare

La varietà amara, non commestibile, utilizzata in medicina solo in piccole quantità è ottima in caso di tosse persistente. Il contenuto di acido cianidrico, un noto veleno, conferisce alle mandorle amare un triste primato. Provoca il decesso per paralisi dei centri del respiro più velocemente rispetto a ogni altra sostanza. I segnali di intossicazione sono le convulsioni, seguite dalla perdita di coscienza fino alle estreme conseguenze. Niente paura perché con la varietà dolce non corriamo questo pericolo. Se esageriamo nel consumo possiamo al massimo rischiare una solenne indigestione. Al tempo dei romani si credeva che la qualità amara fosse un antidoto contro l’ubriachezza. Si racconta che ci fosse chi scommetteva di non ubriacarsi dopo aver bevuto molto vino. Ma di nascosto prima di alzare il gomito mangiava mandorle amare.

Latte e olio di mandorle (dolci)

Per uso esterno l’olio preserva, ammorbidisce e tonifica la pelle, oltre a ridurre le smagliature. Per uso interno è un lassativo moderato, combatte la tosse e le infiammazioni ai bronchi. Attenzione perché è molto energetico e contiene molte calorie. Va bene per chi è debilitato, ma non per chi è sovrappeso.

Anche il latte di mandorle è un ottimo ricostituente e un rimedio per la tosse ostinata. Riduce le infiammazioni di stomaco, intestino e vie urinarie. Si trova con facilità in commercio, ma non esagerare e occhio alla bilancia!

copertina verdeta73

banner essere cna

banner unipol

>>> INGRANDISCI <<<

Gli auguri di Buona Pasqua del Presidente Giovanni Giungi

Messaggio del Presidente Giovanni Giungi

Messaggio del Presidente Giovanni Giungi

Assemblea Nazionale CNA Pensionati - Ministro della Salute Roberto Speranza

Agenzia Dire, Giungi “Gli anziani possono dare ancora un grande contributo alla comunità

Agenzia Dire, D'Andrea Pensionati ex artigiani a disposizione della comunità”

Agenzia Dire, Decaro ANCI “Nonni per la città” preziosi per trasmissione saperi ai più giovani

Festa Nazionale CNA Pensionati - Sergio Silvestrini Segretario Generale CNA

Festa Nazionale CNA Pensionati - Daniele Vaccarino Presidente Nazionale CNA

Festa Nazionale CNA Pensionati - Vinciano Luca Caricato

Spot radiofonici

Sergio Silvestrini: "Problema sicurezza percepito drammaticamente soprattutto dagli anziani"

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi sapere di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca il pulsante "Cookie e Privacy". Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.